Oltre ad aver acquisito una buona padronanza della tecnica dell’olio su tela e delle matite colorate, per alcune serie di dipinti sono state scelte tecniche particolari.

Per quanto riguarda una serie di paesaggi realizzata tra il 2010 e il 2011, la pittrice ha scelto di applicare direttamente sulla tela un fondo di sabbia mescolata a colla vinilica. Le macchie che si vengono così a creare hanno volutamente contorni irregolari che contribuiscono a conferire alle opere una sfumatura indefinita, quasi onirica, di sogno o ricordo. La realtà che vediamo con i nostri occhi, che costituisce naturalmente la base di ogni dipinto, non necessita di essere copiata in maniera fotografica per essere ben colta dagli occhi dell’osservatore. I colori e la materia di cui si compongono i quadri possono cambiare e miscelarsi dando vita ad una visione molto diversa dal reale, ma che evoca inequivocabilmente quel posto e quel momento, con l’atmosfera unica che resterà sempre imprigionata in quell’immagine: metà dato visivo e metà fantasia.

Un’altra tecnica particolare è quella delle matite colorate su di un fondo di carta particolare, stropicciata, piegata o colorata.
La figura umana e le sue espressioni sono il tema di questi disegni. Infatti, solo utilizzando il colore bianco e quello nero, si può dare rilievo alle figure delineandone i chiari scuri. Grazie alla grana e al tono della carta di fondo l’immagine si arricchisce di tutte le sfumature necessarie per rendere i tratti espressivi, la carnagione, i capelli e i particolari delle opere.

Dunque la novità nelle tecniche pittoriche di Stella non proviene dai colori, ma dai materiali sui quali essi vengono applicati.

Sponsor